Pantografo a controllo numerico

Da qualche anno progetto e produco dei prototipi di arredo ed oggettistica varia in legno. Ho sempre realizzato i miei lavori manualmente, cercando di lavorare in completa autonomia senza dover dipendere da altri. L’anno scorso ho deciso di intraprendere il progetto di un pantografo a controllo numerico: dopo mesi di disegni, consulti e analisi economiche, un amico mi ha dato una mano a tagliare i pezzi…

Al momento mancano ancora un pò di cose, ma il mio amico non ha fretta (io si). La macchina è nel mio studio, così da tenerla sotto osservazione per eventuali modifiche: non è il posto migliore dove collocare 1,5 quintali di alluminio ed acciaio, ma noto che incuriosisce tanto chi viene a trovarmi.

dettaglio porta chiocciola
vista dall’alto in fase di montaggio
progetto
progetto

quadrangolo: sedie, panche, tavolo

sedia
sotto sedia
panca
particolare tavolo e panca

Un tavolo, una panca, due sedie. Un progetto di arredo denominato quadrangolo per via della forma particolare del tavolo e delle sedie. Il tutto inizia qualche anno fa, con l’idea di realizzare un paio di sedie http://www.1501.it/sedie-legno

Da questo progetto l’evoluzione alla ricerca di una forma ergonomica, pulita, semplice prevedendo due varianti, ovvero due tipi di sedute “specchiate”. Questo anche per creare una linea spezzata quando si accostano tra loro.

La panca riprende l’angolatura del tavolo da pranzo che è pensato per ospitare otto commensali.  Il prototipo è realizzato in legno di abete con finitura a cera bianca; le sedie sono realizzate in lamellare di abete per aumentarne la resistenza e diminuire così spessori e peso.

Brocca sedia b(a)rocca in legno di abete

brocca sedia

Brocca: sedia b(a)rocca in legno di abete

 

 

 

Le Brocche erano dei caratteristici chiodi fatti a mano utilizzati nella costruzione delle scarpe e prodotti fino ad un secolo fa. Erano prevalentemente destinati alla realizzazione degli scarponi dei soldati impegnati nella difesa dei confini in montagna, in particolare durante il primo conflitto mondiale. Queste forme particolari hanno ispirato lo sgabello proposto che, oltre alle forme, vuole riprenderne il concetto di lavorazione artigianale in modo tale che ogni oggetto realizzato, sia veramente unico.

Il legno di abete ben si presta a questo tipo di lavorazione manuale e artigianale: è adatto alla realizzazione sia delle gambe, sia degli elementi che ne compongono la seduta.

Le gambe rastremate ed irregolari riprendono stilisticamente la forma della punta delle brocche, ognuna lavorata “a mano” e con spigoli smussati, conferendo ad ogni pezzo un carattere di singolarità ed unicità. Sono fissate alla scocca della seduta mediante incollaggio, rinforzato da un doppio incastro a coda di rondine nel punto di maggiore sollecitazione.

Anche lo schienale riprende una particolare lavorazione delle brocche.

Salva

Salva

Salva

Salva